BubbaRecensione in anteprima: ” Fedeltà e Fiducia” di Tere Micheals.

11749564_1004049372959100_1315788063_n

DATA DI PUBBLICAZIONE 7 AGOSTO

Titolo: Fedeltà e Fiducia
Titolo originale: Faith & Fidelity

Autore: Tere Michaels
Traduttore: Claudia Milani

Lunghezza: 315 pagine
Casa editrice: Triskell Edizioni

SINOSSI:

Sconvolto dalla recente morte della moglie, il detective Evan Cerelli cerca di occuparsi dei figli ma è ben consapevole di non riuscirci bene come vorrebbe. Era la moglie quella che li guidava e li cresceva, e l’uomo si trova ora schiacciato tra il dolore della perdita e la responsabilità pressante delle quattro giovani vite.
Spinto dai colleghi, Evan partecipa a una festa di pensionamento e incontra l’ex poliziotto Matt Haight, ora caduto in disgrazia e impiegato presso una ditta che si occupa di sicurezza. Un’amicizia fiorita all’ombra della solitudine e confortata dall’alcol si dimostra ciò di cui entrambi hanno bisogno.
L’ultimo anno ha rappresentato, per Matt Haight, una lenta agonia. Ostracizzato dagli amati colleghi, vicino alla mezza età e perennemente solo, Matt vede solo un buco nero dove invece dovrebbe esserci il suo futuro. Quando riconosce in Evan un’altra anima smarrita, alcuni dei pezzi che credeva perduti vanno invece al loro posto. La loro amicizia si trasforma in qualcosa di più profondo, ma l’amore è l’ultima cosa che i due si sarebbero aspettati, ed entrambi lottano per dare un senso a quello che provano l’uno per l’altro.

LA BUBBA OPINIONE:

Come posso iniziare questa recensione? Iniziando con lo scrivere che i protagonisti sono uomini in divisa. Gli uomini in divisa negli M/M sono ciò che amo di più e non solo perché sono sexy ma perché si portano dietro un mucchio di problematiche dovuti al loro lavoro al servizio dello stato, soprattutto quando si parla di omosessualità. Infatti Fedeltà e Fiducia non mi ha delusa e ha affrontato anche questo “piccolo” problema.

Il libro tratta dell’amicizia tra due uomini accomunati dal dolore che la vita a volte può dare, che si trasforma lentamente in qualcosa di più di una semplice relazione di amicizia e conforto.

Evan è un poliziotto che ha dovuto affrontare la perdita dell’amata moglie e trovarsi a dover badare a quattro figli da un giorno all’altro, mentre Matt è un ex-poliziotto la cui carriera si è conclusa male a causa dei soliti giochetti politici che noi italiani conosciamo bene. Le loro esperienze di vita li porta a trovare il conforto l’uno dell’altro.

A questo punto starete pensando che si passi alla tipica storia romance tra due uomini. E qui vi sbagliate: Evan e Matt non sono accomunati solo dal dolore e dal rimpianto, ma anche da fatto che sono entrambi ETERO!

Credo sia questo il tesoro del libro, ovvero il fatto che siano due uomini delle forze armate, entrambi felicemente etero. Puntualizzo il felicemente.

Non è il primo M/M che leggo dove entrambi i protagonisti sono due uomini etero, eppure si trovano a provare desiderio romantico e sessuale l’uno per l’altro, ma devo dire che è il primo che mi ha soddisfatta per come è affrontata la problematica. Analisi dei sentimenti, rielaborazione del lutto e problematiche sociali sono stati ben descritti anche se in alcuni casi sarebbero potuti essere più esaustivi, eliminando qualche punto di vista esterno ai due protagonisti.

Evan è il personaggio più complicato e depresso del libro, e a buon ragione visto che si trova ad affrontare una morte e anche l’attrazione per un altro uomo, ma sinceramente mi sono follemente innamorata del dolce e burbero Matt.

Matt che nonostante i dubbi ci insegna che al cuore non si comanda. Anche se è la tematica più superficiale del libro è quella che è più ridondante nelle parole e nei gesti dei personaggi.

Un accenno ai personaggi di contorno è dovuto, soprattutto a Helena. Lei è la partner di Evan e suo confidente stile Yoda (sì, lo so: un’altra citazione di star Wars in un M/M… sto già programmando un articolo a riguardo perché non può essere una coincidenza!), e le sue reazioni da amante dello shipping mi hanno fatto sorridere più volte. Inoltre in questo libro è già stato presentato uno dei protagonisti dei prossimi romanzi della serie, che dalle informazioni che ci sono concesse in questo volume promette davvero bene… Ma non vi dirò il suo nome: dovrete scoprirlo da soli.

Le figlie di Evan sono l’aggiunta per completare il quadretto della “famigliola” stile sit-com anni ‘50, se fossero state davvero così le avrei riguardate tutte, ma ahimè il marketing a quei tempi non aveva capito il potenziale di certe storie con poliziotti sexy e gay (diciamo nemmeno oggi).

Anche se può sembrare un libro dalle tinte tristi io l’ho trovato davvero scorrevole e fresco e mi sento anche di consigliarlo come buona lettura sotto l’ombrellone. Ma ehi! Sarei anche felice di consigliarvi uno splatter con i clown come lettura perfetta sotto l’ombrellone, quindi sta a voi fidarvi della mia parola.

Il mio voto finale è di 4 arcobaleni. Purtroppo ho dovuto tenere conto dei punti di vista diversi da quelli dei due protagonisti, che non fornivano informazioni importanti o comunque intuibili dagli altri POV.

4 arcobaleni

Morsi & Stritolamenti da Bubbetta.

***

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...