RnwbP ci parla della serie “Adrien English” di Josh Lanyon. (Parte 2)

11850740_10207475980766536_5492674182579254080_o

DATA DI PUBBLICAZIONE 14 AGOSTO

TITOLO: Una cosa pericolosa

TITOLO ORIGINALE: A dangerous thing

SERIE: Adrien English

AUTORE: Josh Lanyon

CASA EDITRICE: Triskell

12003925_1142633509098325_7187590030045743726_n

In preda al blocco dello scrittore e frustrato dalla sua problematica relazione con Jake Riordan, fascinoso ma non ancora dichiaratamente gay detective della polizia di Los Angeles, il libraio e scrittore di gialli Adrien English decide di andare a trascorrere un po’ di tempo a nord, nella tenuta lasciatagli dalla nonna materna, dove trova un cadavere ad attenderlo nel vialetto d’ingresso. All’arrivo dello sceriffo, però, il corpo è scomparso e Adrien si trova ancora una volta a improvvisarsi investigatore. Ma quando la situazione si fa pericolosa e potenzialmente letale, Adrien è costretto a rivolgersi a Jake.

Jake potrà avere le idee confuse riguardo a un mucchio di cose, ma è disposto a tutto pur di tenere in vita l’uomo per il quale sta cominciando a provare qualcosa.

12039410_1142633489098327_4135367336217358776_n

Come ci aveva lasciati Ombre Fatali?

«Sai che non sarà una cosa semplice, Adrien.» Giustificata o meno, una sparatoria con un poliziotto coinvolto non sarebbe stata una passeggiata.
«Ti riferisci all’indagine?» «No.» Mi rivolse il suo solito sorriso storto. «No, non mi riferisco a quella.» Guardai fuori dal finestrino in tempo per cogliere il primo rossore dell’alba che illuminava le colline Chatsworth.
Mio malgrado, cominciai a sorridere.

Sembrava che Jake avesse ceduto ai suoi istinti più basilari, no? Che questa sua attrazione per Adrien fosse cosa capita, digerita e abbracciata. Eh, magari! Jake è sempre lì tra i piedi di Adrien, va a casa sua, mangiano assieme, guardano la tv, parlano, ma stop. Finisce tutto lì. Perché Jake continua a ripetere “non sono finocchio come te. Io cerco una donna” e sempre senza che Adrien gli abbia mai chiesto nulla, intendiamoci. Diciamo che se la fa e se la disfa tutto solo.

Però – c’è sempre un però -, ad Adrien piace avere Jake tra i piedi, ama il suo burbero-omofobico-narnico amico/ragazzo. Vorrebbe avere di più da Jake, molto di più, ma non gli chiede mai nulla. Accetta tutto quello che riceve dandosi sempre completamente. Ma la situazione lo logora. Sa che non può chiedere di più perché quello servirebbe solo come scusante a Jake per allontanarsi per sempre. Non sa che fare. La stesura del suo secondo romando è a un punto morto, la sua vita amorosa è nello stallo più totale, le passate esperienze (vedi Ombre Fatali) lo hanno scosso nel profondo e sente il bisogno di una sferzata di novità. E quindi che fa? Pensa che un cambio di paesaggio gli possa giovare e, senza dire niente a nessuno, prende e parte verso il ranch che la nonna gli aveva lasciato in eredità.

Stiamo parlando di Adrien, quindi credete che vada tutto bene? Ma assolutamente no! Arriva e trova un corpo steso nel suo vialetto. Un uomo a cui hanno sparato da poco. Risale in auto, arriva a casa, chiama lo sceriffo e tempo che questi arrivi e il cadavere è sparito.

Lo sceriffo – e il suo vice – lo trattano da povero cretino venuto dalla città in campagna: ma cosa cavolo vuoi che ne capisca? E poi è gay! Ma Adrien è abituato alle forze dell’ordine che lo sottovalutano, sta scappando (sì, ok, pausa di riflessione e tempo da solo per scrivere, certo) da uno di loro e quindi fa come sempre. Si lascia scorrere tutto addosso e prende in mano la situazione iniziando ad investigare da solo. Vi ricordate che nella recensione di Ombre Fatali vi avevo detto che Adrien era il miele di Jake? La calamita che lo attirava sempre a sé? E infatti Jake si presenta da Adrien per riportarlo a casa.

Non ce la fa proprio a stargli lontano. Solo che poi, questo cretino che si fa 500 chilometri per vedere Adrien, appena gli sta a fianco lo allontana, lo denigra, lo deride. Che nervi! Giuro, Jake mi fa impazzire! Sei tu che lo hai seguito, Adrien non ti ha mai chiesto nulla, non ti chiede di baciarlo, abbracciarlo, farci sesso, non ti chiede di gridare la tua omosessualità dalla cima di una montagna né che sfili al primo pride. Si è allontanato per cercare di dimenticarti ed evitare di cadere in tentazione e chiederti di più, che vuoi ancora? Se vuoi prendertela con qualcuno, prenditela con te stesso! Sei tu che non riesci a stare senza Adrien, tu che non ammetti con te stesso che una donna non ti renderà mai felice, tu che vuoi così tanto Adrien da odiarlo per i sentimenti che ti provoca. Mettiti un po’ di pace tra cervello nr 1 e cervello nr 2 e poi deciditi! Accidenti!

Nel mentre il mistero del corpo sparito si infittisce, si mescolano realtà e leggende native americane. Adrien continua l’indagine e Jake borbottante e malvolentieri gli dà una mano e non lo lascia mai solo. Anche perché c’è qualcuno che ha messo gli occhi su Adrien e Jake non permette che nessuno metta occhio, mano e assolutamente nessuna altra parte del corpo in ciò che è suo.

Già, avete capito bene! A un certo punto Jake nostro cede in tentazione. Non ce la fa più ad avere Adrien così vicino senza cedere ai propri istinti più primari e succede: si baciano, fanno sesso ed è la cosa più bella che potesse capitare ad Adrien.

Ma tutto questo succede quando sono nel ranch, che è un po’ come se fosse in vacanza e si sa che tutto è concesso quando si è in ferie. E a fine avventura, quando scoprono (sempre grazie ad Adrien) chi ha ucciso chi e soprattutto perché, e finalmente se ne ritornano a LA che succede? Vallo. A. Sapere. Tu!

Perché questo, credo, spero, mi auguro, lo pretendo che altrimenti scatta al violenza, sarà oggetto del terzo capitolo dell’avventura. Che spero, per la mia sanità mentale, che sia anche tradotto a breve.

Tirando le somme. Libro ancora più bello del precedente, bel mistero, bei personaggi, Adrien che dimostra sempre di più di avere un gran bel caratterino e di non essere quel deboluccio pauroso che tutti credono che sia. Ha dimostrato una gran bella forza, soprattutto nel suo rapporto con Jake. Jake… Jake che migliora in questo libro, anche se ha sempre ‘ste uscite alla “non sono finocchio come te” che mi fa venir voglia di spellarlo da vivo; Jake che finalmente cede e fa esattamente quello che vuole fare, al diavolo le convenzioni e le conseguenze. Jake che ammette che sì, è lui quello che insegue sempre Adrien, che è lui che gli sta sempre dietro e gli starà sempre dietro.

Voto finale? 4 arcobaleni abbondanti!

4 arcobaleni

Alla prossima avventura di Adrien!

May the multicolor be with you

***

Annunci

One thought on “RnwbP ci parla della serie “Adrien English” di Josh Lanyon. (Parte 2)

  1. Pingback: Josh Lanyon | smemoranduM/M

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...