VintageLove: “Tigri&Diavoli” di Sean Kennedy.

VintageLove

Titolo: Tigri e Diavoli

Titolo originale: Tigers and Devils

Autore: Sean Kennedy

Traduttore: Sarah May

Casa Editrice: Dreamspinner Press

12003925_1142633509098325_7187590030045743726_n

Le cose più importanti nella vita di Simon Murray sono il football, gli amici e i film, in quest’ordine. I suoi amici sperano che incontri qualcuno ma, nonostante si senta solo, Simon diffida dal cercare qualcosa di più. Poi, trascinato a una festa dai suoi migliori amici, s’intromette in una discussione sul football e finisce per difendere l’onore della stella Declan Tyler, senza sapere che l’atleta è lì presente. Nessuno dei due sa che quel primo, imbarazzante incontro cambierà le loro vite per sempre.

Come al resto della sua famiglia, anche a Simon piace vivere a Melbourne, la città dell’Australian Rules football e mecca dei fan più sfegatati. Qui i giocatori sono trattati come degli dèi, a meno che non facciano qualcosa che deluda il pubblico. Quest’anno i tifosi ce l’hanno con Declan per una serie infelice d’infortuni, quindi il sostegno di Simon è l’unica nota positiva della sua stagione.

Mentre la relazione di Simon e Declan procede a tentativi, diventa sempre più difficile tenere nascosta l’omosessualità di quest’ultimo, sia agli amici in buona fede che ai media sempre più sospettosi. Nulla può rimanere nascosto per sempre. Presto Declan dovrà scegliere tra la carriera che ama e l’uomo che vuole, e Simon non è il tipo da rendere le cose semplici, né agli altri né a se stesso.

12039410_1142633489098327_4135367336217358776_n

Ve lo dico da subito: io amo questo romanzo incondizionatamente. Lo adoro, è il massimo sulla mia scala. Ha tutto quello che adoro, un protagonista nerd a modo suo, anti convenzionale, che non bada a come si veste (Doc Martens e Converse All Star forever), con una ristrettissima cerchia di amici – Fran, Rog e Nyssa – a cui non dimostra mai il proprio immenso amore, un rapporto conflittuale con la famiglia, amante dello sport, direttore di un festival alternativo ma sembra che ci sia capitato per caso, amante del caffè, antisociale, ironico fino al midollo e con una bocca in grado di dire la cosa più sbagliata nel momento peggiore. Come potrei non amare alla follia Simon Murray?

La storia inizia una sera, a una festa, dove Simon è stato trascinato con l’inganno da Fran&Rog, altrimenti non ci sarebbe andato nemmeno sotto tortura. Simon riesce a svicolare e a trovare rifugio in giardino su un lato isolato e buio della proprietà quando sente un gruppetto di persone parlare di football e più precisamente disquisire sul grandissimo campione sempre infortunato: Declan Tyler.

Ma Simon, benché non tifi la squadra di casa e cioè gli Essendon e nemmeno la squadra per cui gioca Dec ora come ora e cioè i Devils della Tasmania, si sente in dovere di lasciare il suo nascondiglio e andare a difendere il pluripremiato campione che sta vivendo un momento no.

State parlando di Declan Tyler, giusto? Vincitore per due anni di seguito del premio come miglior giocatore e come giocatore più corretto per i Devils, vincitore della Medaglia Brownlow e di quella Norm Smith e del Trofeo Leigh Matthews? Già, fa veramente schifo come giocatore di football.”

Vedete, so che Tyler può sembrare un cazzone arrogante, ma non potete dire che non sia un grande giocatore. Ovviamente, quando non è infortunato.”

Per qualche motivo tutti sbarrarono gli occhi. Confuso, sollevai le mani per ottenere una qualche reazione.

Si udì il suono di qualcuno che si stava schiarendo la voce dietro di me. “Beh, grazie per aver difeso il mio onore.”

Impossibile! Impossibile che stesse accadendo. Mi girai sperando che si trattasse solo di Roger che mi stava prendendo per il culo, ma l’espressione degli altri mi diceva che non era così. Anche se non avevo mai udito quella voce di persona, l’avevo sentita abbastanza in televisione, di solito al telegiornale o nelle interviste del dopo partita.

Dietro di me c’era lui in persona, Declan Tyler.

È iniziata così, con Simon che difende e offende Dec. Con Declan che trova affascinante e intrigante questo “segaiolo che si crede un artista, con i tuoi pantaloni cargo, le tue Doc Martens e il tuo guardaroba nero”.

Ma questo libro non parla solo di un incontro, di una storia che inizia. Perché Declan, come campione più pluripremiato del football australiano, non può essere dichiarato. Nessuno sa, a parte un ex amante anche lui giocatore di football e il suo migliore amico nonché capitano dei Devils – Abe, che Dec sia gay. Ma Simon, il suo modo di porsi con gli altri e con la vita in generale, il modo che ha di trattare Dec da essere umano e non da super uomo, riesce a entrargli sotto pelle da subito e gli chiede un appuntamento.

Da quel momento inizia una relazione tra i due. Ma non è oro tutto ciò che luccica. La relazione deve essere mantenuta segreta, è impossibile che un giocatore, all’apice della sua carriera, possa esporsi in questo modo. E a Simon va anche bene, capisce benissimo la riservatezza, è uno sfegatato tifoso di football lui stesso, anzi, per quanto lui sia dichiarato con chiunque da anni, non ha mai ‘sbandierato’ in famiglia la sua omosessualità, più per paura di creare tensioni che altro. Si, Simon è mr pippe mentali. Sono più le volte che pensa a una catastrofe e che tutto si risolve in una bolla d’aria che altro.

Ma, anche se Simon non dice nulla, c’è la sua famiglia che parla per lui. E non sto parlando dei genitori fans sfegatati degli Essendon, o del fratello Tim che cerca in tutti i modi leciti e non di metterlo in imbarazzo (Tim è veramente un cretino, lasciatemelo dire). Ma della famiglia che Simon si è scelto e nello specifico Roger. Rog che, per quanto idolatri Dec (possiamo dire che sarebbe come un madridista che incontra il ragazzo del suo miglior amico e quel ragazzo è Cristiano Ronaldo), lo attacca e lo mette alle strette per sapere le sue intenzioni e soprattutto capire se Simon dovrà a tornare a una vita nascosta.

Uffff non sapete quanti episodi voglia citarvi. Sulla boccaccia di Simon, sulla sua capacità di fare la cosa sbagliata nel momento peggiore; su Fran che è sempre colei che riporta la ragione e il sereno; su Nyssa che ha sempre paura che Simon molli lei e il triple F per una occasione migliore; su Rog che è geloso marcio di Dec perché sa che Simon non si appoggerà più a lui per primo, a Rog che con Simon difende Dec e con Dec diventa il paladino dei diritti di Simon; sul primo incontro con Abe e Lisa; sul post outing di Dec.

E non ho nemmeno iniziato a parlare di Dec. Di come reagisce a Simon, di come reagisce all’outing – si, non è stata una scelta volontaria. Si, Dec non l’ha presa niente bene. Si, ha creato un sacco di casini allo stesso Dec, alla sua famiglia, a Simon, alla sua famiglia. Di com’è Dec con Fran&Rog, o con Abe&Lisa, o con Maggie. Del primo “ti amo” di Dec a Simon e del primo “ti amo” di Simon. No, non sono stati consequenziali. Non sarebbe da Simon.

È un libro molto completo a mio punto di vista. C’è l’innamoramento e la prosecuzione della storia d’amore, c’è lo spaccato di vita quotidiana, c’è la vita da super star abituata a essere al centro dell’attenzione e abituata al non dire ma con cortesia. C’è l’abituarsi all’altra persona con pregi, difetti e bagaglio mediatico. C’è il circo a cui vengono sottoposti dopo essere stati scoperti. L’idiozia della tifoseria testosteronica che crede che, solo perché a te piacciono gli uomini, sei un fiorellino di campo. Che, solo perché sei “diverso” – odio questa parola. Cosa significa poi essere diverso? Le diversità sono le nostre unicità, sono le diversità che ci differenziano e non ci rendono una macchia indistinta di pecoroni che agiscono tutti allo stesso modo. Sto divagando, vero? Ok, dicevo, solo perché ti considerano diverso pensano che tu sia un debole, che non sappia difenderti e che non sappia il fatto tuo.

Cosa mi è piaciuto di più? Tutto.

Simon in assoluto, Dec, Fran, gli sgattaioliamo al pub di venerdì, come reagiscono al gossip, quel fronte compatto da ‘io e te contro il mondo’. Stupendo, meraviglioso. L’ho già detto che mi piace da impazzire?

Voto finale 5 arcobaleni cum laude (e tanto tanto tanto amore)

cum laude 1

May the multicolor be with you

RnbwP

***

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...